Categories

Ecco come funziona il condono delle cartelle di Equitalia

condono equitalia

 

 

Il mini-condono è valido, soltanto per le cartelle esattoriali emesse entro il 31 dicembre 1999. Il decreto, quindi, interessa una cerchia molto ristretta di contribuenti riguardando cartelle esattoriali rimaste in giacenza per 15 anni e che, per la maggior parte dei casi, riguardano enti creditori come Comuni e Regioni. Il condono viene per somme che molto difficilmente si sarebbe riusciti a riscuotere e che riguardano imposte relative all’importazione di prodotti, legate a dazi, Ue e proprietà agricole.

Questo è il modo per verificare se la propria cartella esattoriale rientra o meno nel condono:

Prima di tutto la cartella in questione non deve superare l’importo di 2000 euro compresi interessi e bolli

L’emissione non deve essere successiva al 31 dicembre 1999
La cartella e l’importo dovuto non devono essere oggetto di transazioni fiscali, concordati o ristrutturazione debiti
Se una di queste condizioni non è rispettata la cartella esattoriale non potrà in ogni caso essere oggetto di condono.

E per le cartelle superiori ai 2000 euro?

C’è la possibilità che sia emesso un condono anche per le cartelle con importo superiore a 2000 euro. In questo caso la valutazione spetterà ai singoli enti ma sempre per cartelle esattoriali emesse prima del 31 dicembre 1999.



...............................................................................................................................

Il Video Corso, più visto del web e totalmente GRATUITO per raggiungere l'indipendenza finanziaria e generare rendite automatiche. Guarda la presentazione ed accedi al corso completo e gratuito



..............................................................................................................................