Categories

Il ruolo del terzo datore d’ipoteca

 

 

Il ruolo del terzo datore d’ipoteca

Il ruolo del terzo datore d’ipoteca

 

 

Nel momento in cui si va a contrarre un mutuo ipotecario sembra chiaro che le parti interessate siano due, vale a dire il finanziatore (la banca) e il debitore (il mutuatario).

In realtà le figure implicate sono tre, dato che dev’essere considerato anche il “datore di ipoteca”.

Chi è costui?

Si tratta del proprietario dell’immobile che acconsente all’iscrizione della garanzia sul proprio bene, cioè sull’immobile.

Nel caso in cui tutti i proprietari oppure gli acquirenti decidano di richiedere il mutuo, il ruolo del mutuatario s’identifica con il datore d’ipoteca.

Se invece il

proprietario dell’immobile non vuole contrarre alcun tipo di debito, non diventerà mutuatario, ma si limiterà a sottoscrivere l’atto notarile solo per la costituzione dell’ipoteca e dunque risulteranno come “terzi datori d’ipoteca” relativamente al rapporto costituito di mutuo.

I terzi datori d’ipoteca non avranno nulla a che vedere con il finanziamento, ma esiste il rischio che, nel caso in cui il debitore non rimborsasse il debito, perderebbero il loro immobile posto a garanzia.

Essi non avranno alcuna relazione con le vicende del finanziamento, salvo il rischio di rimetterci l’immobile posto a garanzia se il debitore non rimborsasse il debito.

Il terzo datore d’ipoteca potrebbe anche subire danni alla sua immagine pubblica nel caso in cui si istituisse un’asta giudiziaria contro l’immobile di sua proprietà. 



...............................................................................................................................

Il Video Corso, più visto del web e totalmente GRATUITO per raggiungere l'indipendenza finanziaria e generare rendite automatiche. Guarda la presentazione ed accedi al corso completo e gratuito



..............................................................................................................................