Categories

L’adattamento dei mutui ai consumatori

mutui

 

Quando dobbiamo scegliere a che tipo di mutuo accendere, siamo indecisi sulla preferenza del tasso. L’istinto porta molti consumatori a prediligere la convenienza del variabile.

I mutui a tasso variabile, almeno all’inizio presentano dei tassi molto più contenuti di quelli a tasso fisso e quindi, apparentemente, sembrano più convenienti.

Quando c’è una crisi in atto, è facile che i tassi restino bassi, ma l’anomalia dello spread italiano ha dimostrato che i benefici messi a disposizione a livello centrale, possono essere eliminati facilmente dall’incremento dello spread dei singoli istituti bancari.

La verità del mutuo a tasso variabile è che si adatta a chi può sopportare economicamente le oscillazioni dei tassi e prevede che in futuro abbia un miglioramento della condizione lavorativa e reddituale. Per chi invece ha una limitata disponibilità di spesa, tende ad evitare cambiamenti nel budget famigliare e predilige la sicurezza dell’importo della rata del mutuo a tasso fisso.

Esiste una posizione intermedia che non è nel tasso variabile con cap o mutuo a tasso variabile con rata costante, quanto piuttosto nel mutuo a tasso misto che consente ai debitori di rinegoziare periodicamente il tipo di tasso con la banca.

 



...............................................................................................................................

Il Video Corso, più visto del web e totalmente GRATUITO per raggiungere l'indipendenza finanziaria e generare rendite automatiche. Guarda la presentazione ed accedi al corso completo e gratuito



..............................................................................................................................