Categories

Tari: i casi in cui non si deve pagare

Tari

La Tari è l’imposta che ha rimpiazzato:  Tarsu, Tia e Tares. Una sostituzione che si è con qualche differenza sostanziale.

Quando parliamo di Tari ci riferiamo all’imposta (tassa) in riferimento alla connessione vigente tra il pagamento e l’ effettuazione del servizio anche se il Decreto Ronchi utilizza il più delle volte il termine “tariffa” rinviando successivamente ad decreto la stesura nel dettaglio del servizio. Questo piano finanziario però non è mai stato portato in essere.

Per capire che cos’è con esattezza la Tari si deve fare una premessa sulla sua applicazione:

Si evince che è tenuto al pagamento della Tari chiunque possieda o detenga, a qualunque titolo, locali o aree esterne, atte a produrre rifiuti urbani (fatta eccezione delle aree condominiali o di quelle accessorie o delle pertinenze di un immobile tassato). Il fine della tassa è quello di coprire i costi del servizio di igiene urbana: la parte fissa dipende dalla superficie dell’immobile mentre quella variabile è proporzionale al numero dei componenti della famiglia. La questione dell’inquadramento della Tari non è solo un dettaglio giuridico: se si considera come un tributo infatti dovrebbe sottostare ai criteri di proporzionalità e progressività affermati dalla Costituzione mentre se si parla di tassa non andrebbe bene inquadrare lo smaltimento come un servizio pagato a consumo.
Esistono una serie di casi singoli relativi a delibere comunali di dubbia legittimità che vanno presi in condirezione quando si parla di Tari. Una prima fattispecie accade ad esempio in sede di delibere adottate a posteriori rispetto alla data stabilita dalle leggi nazionali per i bilanci di previsione (che lo scorso anno è stata il 30 settembre). Delibere successive a questa scadenza possono essere impugnabili.

Un altro caso che riguarda diversi Comuni italiani concerne invece la riduzione della Tari inferiore al 40% nelle zone dove non è prevista la raccolta.

Tuttavia, tra i vizi formali il più comune concerne l’assenza di un piano tariffario, al contrario a quanto statuito dalla Legge di Stabilità 2014: al fine di determinare con esattezza il costo del servizio serve l’indicazione dei costi fissi e variabili. Quasi sempre invece gli avvisi di pagamento Tari restano vaghi.

In tutti i casi suddetti è opportuno impugnare l’avviso di pagamento in autotutela. Bisogna rivolgersi personalmente all’ufficio tributi del Comune. In caso di mancata risposta o rigetto è possibile impugnare la cartella di fronte alla commissione tributaria provinciale. Si ricorda  però che l’autotutela non mette in stand-by i termini per l’impugnazione.

In ultima analisi, si ricorda che le aziende che gestiscono autonomamente lo smaltimento dei rifiuti e quindi non usufruiscono del servizio comunale, possono richiedere l’esenzione dal pagamento della Tari.



...............................................................................................................................

Il Video Corso, più visto del web e totalmente GRATUITO per raggiungere l'indipendenza finanziaria e generare rendite automatiche. Guarda la presentazione ed accedi al corso completo e gratuito



..............................................................................................................................